vrijdag 7 maart 2014

Il Re Formaggio è un buon re.

Re Guglielmo Alessandro d'Olanda inaugura il museo del formaggio di Alkmaar.



Guglielmo Alessandro Nicola Giorgio Ferdinando di Orange-Nassau è re dei Paesi Bassi. Un signore della mia età un po' cicciottello e dall'aspetto gioviale salito al trono dopo l'abdicazione di mamma Beatrice circa un anno fa.

Il giorno della sua incoronazione, nonostante le proteste degli animalisti, decise di non rinunciare ad indossare un famoso mantello di ermellino di proprietà della famiglia reale.

Guglielmo d'Olanda con il mantello di ermellino.

Guglielmo non volle rinunciare a quel mantello, fatto con la pelliccia di chissà quante centinaia di poveri ermellini, e la sua motivazione fu il rispetto della tradizione.

Un ermellino. 

Credo siamo tutti d'accordo nel ritenere che uccidere e scuoiare centinaia di esseri meravigliosi quali sono gli ermellini sia un atto mostruoso, ma la tradizione esige il suo rispetto. Certo, quello era un mantello antico, ma il messaggio che il re Guglielmo dà alla sua nazione nel giorno della sua ascesa al trono è inequivocabile: le pellicce sono bellissime, degne di un re.

Nessuno si aspetta che Guglielmo possieda una sua etica personale. Anzi. Per un monarca, per un leader politico o religioso, avere un'etica personale è cosa poco consigliabile; in pratica è assolutamente fuori discussione.

Il leader politico, il capo carismatico di un popolo, il padre (o la madre) spirituale di una confessione religiosa ha bisogno di una sola cosa ed una soltanto: il consenso dell'opinione pubblica.

L'etica personale non esiste e non deve esistere. Se la maggioranza della popolazione ritiene che il formaggio sia buono, non ha nessuna importanza che il formaggio sia il prodotto della schiavitù e dell'abuso sugli animali. Il formaggio piace alla massa e quindi è buono. Il formaggio porta soldi all'economia, e quindi fa contenta la massa, e quindi è buono. Non ci possono nè devono al riguardo essere discussioni.

All'esterno del Museo del Formaggio di Alkmaar, dove il re Guglielmo ha presenziato all'inaugurazione, c'erano alcuni attivisti vegani, che hanno organizzato una bella manifestazione di protesta, offrendo formaggi fatti con la soia e dando informazioni sul perchè il latte (da cui deriva il formaggio) è causa di abuso e tortura ignobili nei confronti di mucche e vitelli

Re Guglielmo le alternative al formaggio con latte di mucca non le ha assaggiate, e non ha letto il materiale informativo. Non è quella roba da re o leader politici o spirituali. L'etica è una questione che appartiene semmai ai singoli cittadini o ai singoli fedeli. Solo nel caso in cui un numero sufficientemente cospicuo di cittadini o fedeli mostri sensibilità verso un tema etico, allora sì che il leader deve farlo proprio. Il consenso.

Ecco perchè un papa che assume il nome di un santo vegetariano, non ha problemi ad ammirare pubblicamente (nonchè mangiare) prosciutti e salami. San Francesco lo maledirebbe, se non peggio, ma la massa dei fedeli non vorrebbe mai rinunciare a mangiare salumi e bistecche.

La regola del consenso rende quindi ininfluente e risibile qualsiasi questione etica, anche la più macroscopica come quella del genocidio animale.

Cosa farebbe San Francesco a questo signore che usa il suo nome?

La massa ama il formaggio. Se le mucche vengono martoriate non importa.

La massa ama lo sport. Se i giochi olimpici invernali vengono organizzati da un paese che non rispetta i diritti umani non importa.

Guglielmo d'Olanda con moglie e primo ministro ai giochi invernali in Russia.

Guglielmo fa il suo lavoro e lo fa molto bene, così come Bergoglio. Sono persone che non possono permettersi di avere dei principi etici, in quanto rappresentanti di una massa di persone a cui l'etica non interessa. O meglio, in quanto dipendenti dal consenso di una massa di persone per la quale nulla importa se non il piacere della tavola e lo sport in televisione. 



zondag 2 maart 2014

Stuprare mucche è normale.



Se dici di essere vegetariano la gente quasi si intenerisce. Cogli sprazzi di umanità in volti così ferreamente controllati. Percepisci, per un attimo, attività cerebrali in aree del cranio di regola poco visitate. 

Quando dici di essere vegetariano si mettono spesso d'accordo tutti nel dire che sì, è una cosa bella, io non potrei mai, ma io carne non ne mangio molta, comunque complimenti.

Il vegetariano è un buono, romantico e gentile, una brava persona.

Se dici di essere vegano, e dopo aver spiegato di che si tratta, la gente si indurisce. Volti per un attimo incuriositi ad ascoltare qualcosa di nuovo automaticamente si irrigidiscono. Gli sguardi si fanno vitrei, le voci taglienti.

Quando dici di essere vegano si mettono spesso d'accordo tutti nel dire che ma, questo mi sembra un po' estremo, rinunciare al latte, e perchè, le mucche il latte lo devono pur fare.

Il vegano è un estremista, sciocco e ignorante, un tipo strano.

Poi non serve a nulla raccontare dello stupro sistematico delle mucche, del latte che era destinato ai vitelli, un latte alla razza umana assolutamente non necessario; raccontare delle urla, dello strazio dei vitelli strappati alle madri e portati al macello. Non serve a nulla. La comunicazione è stata interrotta.

Stuprare le mucche è normale. Rinunciare ai latticini è estremo.

Ed io che ci faccio, a questo mondo?

donderdag 2 januari 2014

L'arma segreta degli animalisti.


Con la vicenda di Caterina Simonsen, una ragazza malata che si è schierata a favore della sperimentazione animale, e che ha ricevuto insulti e minacce da sedicenti animalisti, abbiamo potuto apprezzare la forza del nostro nemico.

Il nemico ci ha sferrato un'offensiva pesantissima. All'improvviso, si è scatenato un feroce bombardamento.

Un po' contro corrente, rifletto che la cosa mi ha fatto molto piacere. La condizione degli animali è a tutt'oggi  così tanto esageratamente disperata che niente potrebbe renderla peggiore. Allevati, incatenati, vivisezionati, maciullati, divorati, che altro di peggio si potrebbero aspettare?

Ben venga dunque il clamore mediatico sopra un tema etico rispetto agli animali. Se questa cosa "tira audience", la discussione può e deve continuare. L'orrore quotidiano commesso dall'uomo ai danni degli animali arriva comunque sulle prime pagine.

Le risposte che in questo senso stanno arrivando dal cosidetto "mondo animalista" le giudico bellissime e potenti.

Bellissime. Davanti all'odio, alla manipolazione, alla violenza, alla negazione della verità, ribadire con forza la verità e la bellezza di questa verità. Ribadire, con insistenza, passione, chiarezza, ardore quasi direi eroico la bellezza della verità nonostante tutto.

Potenti. La guerra appare impari. Il nemico apparentemente troppo forte. Gli animali sembra che non abbiano la benchè minima speranza di poter scampare al loro abominevole calvario. Eppure un gruppo di persone continua a ribadire la verità, e contrattacca. 

Contro ogni evidenza di pronostico, la guerra continua e continuerà.

Il nemico non sa che noi che combattiamo per la Liberazione Animale (scusate ma il termine animalista mi sta troppo stretto) possediamo un'arma segreta.

Noi combattenti per la causa degli animali (ma che è in realtà una causa assai umana, che anzi mette in discussione il significato stesso di essere "umani") possediamo un'arma segreta oserei dire invincibile: la forza della Ragione. Non è poco. 

La giustizia è dalla nostra parte. L'amore è dalla nostra parte. La verità è dalla nostra parte. La luce è dalla nostra parte. Il fatto di "avere ragione" ci rende inattaccabili ed invincibili. 

Dunque ben vengano i violenti attacchi del nemico. Che la guerra si faccia sempre più serrata. Che vi sia clamore, e che questo clamore inizi a suscitare la curiosità delle masse apatiche, delle menti spente, dei cuori aridi.

La forza della Ragione ci sorregge, e ci fa crescere, sia individualmente che nel numero. 

Il trovarci nell'Era della Comunicazione Globale rende molte cose fino a ieri impossibili, possibili.

Il bagliore di un piccolo lume, e l'oscurità svanisce. Di fronte alla luce, il nemico trema.

zaterdag 31 augustus 2013

Ragni domestici.

Ragno indoor.



In molti angoli della mia nuova casa alloggiano gli amici ragni. Di essi mi prendo cura quando passo l'aspirapolvere. Ed essi mi ripagano con la loro bellezza

Silenziosi ed immobili i miei amici ragni mi fanno compagnia. La loro presenza mi allieta.

(Fotografarli è impossibile, sopratutto con l'apparecchio antiquato che mi ritrovo. E dunque mi ripropongo perchè no, di acquistare una nuova macchina fotografica digitale adatta per fotografare i ragni. Una spider-camera, ecco cosa mi ci vuole. )


Il lavoro mi ha stancato, le donne mi hanno stufato; il calcio, la televisione, la politica, la ricerca spirituale...una noia abissale. Chi mai mi stanca e mai mi annoia sono gli animali.

Tanti cosidetti ricercatori spirituali si dedicano anima e corpo a yoga, meditazione e terapia, ma mangiano carne, bevono latte, indossano scarpe di cuoio, magari vanno a cavallo, o a pesca. Non capiscono che in questo modo ogni porta resta chiusa.

Entrare in empatia con un ragno ha mille volte più valore di mille esperienze "esoteriche". Accarezzare un maiale o una mucca. Bearsi della presenza di una gallina. Gioire del volo di un piccione.

E c'è chi afferma di amare gli animali, e siete molti, e c'è persino chi si definisce "animalista" (che parola orribile), e continua a mangiare carne e pesce, uova, formaggi, a bere latte di mucca o di capra.

Non si può. Non si può parlare di amore se non se ne fa esperienza diretta. Non vi è illuminazione o evoluzione spirituale che possa convivere con la violenza e l'inconsapevolezza e l'orrore.

Anche fuori, nel giardino, vivono parecchi ragni. Loro in casa sono un po' meno benvenuti, ma se passano a trovarmi non è un problema, so come riaccompagnarli fuori senza far loro del male. Spiccano tra essi per dimensione i cosidetti "ragni delle dune", che fanno un po' spavento ma sono totalmente innocui...


Ragno delle dune.
Sono diventato vegetariano una decina di anni fa. Non avevo idea di come ciò avrebbe totalmente trasformato la mia sensibilità. E poi ho scoperto che vegetariano non bastava, che il latte era di gran lunga più dannoso per gli animali della stessa carne...che le uova, e persino il miele erano semplicemente abuso e insensata violenza e sfruttamento di esseri innocui ed indifesi.

E poco a poco ho scoperto un mondo di delizie culinarie, e conosciuto persone semplici e meravigliose che vanno in strada per difendere i diritti di queste creature, che si prendono cura di animali feriti, che fanno addirittura irruzione in laboratori ed allevamenti per salvare dalla tortura e dalla morte qualcuno di loro.

Sono grato a me stesso per gli sforzi che ho fatto. Ora sì che posso godermi i "miei" gatti, ed i "miei" ragni, e posso guardare negli occhi ogni essere vivente che occhi possiede.

E guardare me stesso allo specchio, e dire ok, ma ancora non basta. Occorre spiegare e parlare e andare per le strade e scrivere e comunicare con questa razza umana impazzita e malata. Parlare di amore e rispetto e consapevolezza. Cosa molto difficile.

Ci si intrippa di sesso, di calcio, di politica; ci si perde nelle ambizioni di carriera, nelle relazioni sentimentali, o magari ci si avventura alla ricerca di una Luce Interiore. C'è persino, e siete moltissimi, chi ancora si affida alla vacuità della religione, o degli psicofarmaci, o di entrambi.

Non si può mangiare cadaveri e vivere una vita degna. Non si può dire che il formaggio o la bistecca o il branzino sono troppo buoni, e vivere una vita degna. Pregare Dio e uccidere, meditare e stuprare, fare volontariato e torturare...quanta fatica inutile.

Ringrazio i miei amici ragni, per avermi fatto venire di nuovo la voglia di scrivere su questo blog.


zaterdag 11 mei 2013

Che razza di madre sei?





Sei una mamma, il tuo bambino è tutto per te...eppure bevi il latte di un'altra mamma...latte rubato ad un altro bambino...eppure mangi formaggio e yoghurt...il latte è tortura ed assassinio...che razza di madre sei?

Please be human, be vegan.

dinsdag 7 mei 2013

Evviva la patata!



Patata, un nome che già di per sè evoca cosa buona. Ben lavate, e fatte a pezzetti,  faccio bollire un po' di patate mentre preparo il sugo. Poi le scolo e le unisco al pomodoro nel wok, e le faccio andare fino a che il sugo e le patate non mi diventino un tutt'uno.

Ah la patata, fatta al sugo come piace a me, ma anche semplicemente bollita olio sale e pepe, o perchè no al forno con le cipolle...fritta solo in casi estremi poichè non amo le fritture...la patata così semplice e gustosa!

La patata non contiene proteine, ma è un piatto energetico che riempie e consola. Facile da preparare, essa non ammazza nessuno. Nessun animale deve essere torturato ed ucciso per la patata. La patata è pacifica e rispettosa della vita altrui.

Viva dunque la patata, e che ve ne sia sempre in grande e generosa abbondanza !